Category Archives: Comunicazioni Dirigente Scolastico

ATTO D’INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO PER LA PREDISPOSIZIONE DEL PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA 2015/2016 E TRIENNIO 2016/2017, 2017/2018, 2018/2019

ATTO D’INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO PER LA PREDISPOSIZIONE DEL PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA 2015/2016 E TRIENNIO 2016/2017, 2017/2018, 2018/2019

(EX ART.1, COMMA 14, LEGGE N.107/2015).

 

IL DIRIGENTE SCOLASTICO

  • VISTA la Legge n. 59 del 1997, che ha introdotto l’autonomia delle istituzioni scolastiche e la dirigenza;
  • VISTO il DPR 275/1999, che disciplina l’autonomia scolastica;
  • VISTO il D.L.vo 165 del 2001 e ss.mm. ed integrazioni
  • VISTA la Legge n. 107 del 13.07.2015“Riforma del sistema nazionale di istruzione e formazione e delega per il riordino delle disposizioni legislative vigenti”;

–   PRESO ATTO che l’art.1 della predetta legge, ai commi 12-17, prevede che:

1) le Istituzioni Scolastiche predispongono, entro il mese di ottobre dell’anno scolastico precedente il triennio di riferimento, il piano triennale dell’offerta formativa (d’ora in poi: Piano);

2) il Piano deve essere elaborato dal collegio dei docenti sulla base degli indirizzi per le attività della scuola e delle scelte di gestione e di amministrazione definiti dal dirigente scolastico;

3) il Piano è approvato dal Consiglio d’Istituto;

4) esso viene sottoposto alla verifica dell’USR per accertarne la compatibilità con i limiti d’organico assegnato e, all’esito della verifica, trasmesso dal medesimo USR al MIUR;

5) una volta espletate le procedure di cui ai precedenti punti, il Piano verrà pubblicato nel portale unico dei dati della scuola;

ai sensi dell’art. 3 del DPR 275/99, così come sostituito dall’art. 1 comma 14 della legge 13.7.2015, n. 107;

EMANA IL SEGUENTE

ATTO DI INDIRIZZO

per le attività della scuola e le scelte di gestione e di amministrazione

le seguenti linee di indirizzo generali per l’a.s. 2015-16 e per il Piano Triennale in ordine alle azioni da promuovere, alle attività e scelte da realizzare con l’obiettivo di delineare un quadro generale condiviso del servizio scolastico della Scuola Secondaria di I grado “Dante Alighieri”. Il presente documento è suddiviso nei capitoli:

1.L’Istituto: dati generali.

2.Dati rilevati dal Rapporto di autovalutazione.

3.Indicazioni sul Piano dell’offerta formativa contenute nella Legge 107/2015

4.Linee di indirizzo del POF.

 

Cap. 1

L’ISTITUTO: DATI GENERALI

 La Scuola è organizzata su tre sedi:

 

Sede Centrale “Dante Alighieri”:

CLASSI PRIME CLASSI SECONDE CLASSI TERZE
7 7 8

 

 

Sede Carducci:

CLASSI PRIME CLASSI SECONDE CLASSI TERZE
6 4 4

 

 

Sede Celestino V-Paganica:

CLASSI PRIME CLASSI SECONDE CLASSI TERZE
4 3 3

 

 

Per un totale di 46 classi e 993 alunni:

Gli alunni diversamente abili sono 35 così inseriti:

25 Sede Centrale
1 Sede Carducci
8 Sede Celestino V- Paganica

 

Gli alunni con cittadinanza non italiana sono complessivamente n. 116 così distribuiti:

56 Sede Centrale
14 Sede Carducci
46 Sede Celestino V- Paganica

 

 

Cap. 2

DATI RILEVATI DAL RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE

Da febbraio 2015 ad oggi il personale è stato coinvolto nella redazione del Rapporto di autovalutazione, redatto nello specifico dal Nucleo di Autovalutazione e condiviso in alcuni focus group e in Collegio dei docenti a giugno 2015. I dati in sintesi sono stati presentati al Consiglio di Istituto per condividere le aree di miglioramento già indicate dal Collegio.

Vengono valutate come prioritarie le esigenze formative individuate a seguito della lettura comparata del Rapporto di Autovalutazione, nonché dell’indice ragionato predisposto dal Dirigente Scolastico sugli esiti formativi registrati dagli studenti negli anni scolastici precedenti.

 

 

ESITI PRIORITÀ TRAGUARDI
Risultati nelle prove standardizzate 1)      Alzare il punteggio medio della prova Nazionale di Matematica 1)      Rientrare nella media regionale (+1,8) ed eventualmente superarla.
2)      Assicurare omogeneità di livelli tra le sedi. 2)Controllare i fenomeni di cheating.

 

MOTIVAZIONE PRIORITÀ: Il punteggio medio della prova nazionale di italiano (65,2) è superiore alla media provinciale(61,2), regionale (57,3) e nazionale (61,4).Il punteggio medio della prova nazionale di matematica (57,3), è in linea con la media nazionale (57,3) e regionale (59,1).

5 classi terze su 16, concentrate nella stessa sede, presentano gravi difficoltà in matematica o fenomeni di cheating.

Nelle stesse classi si riscontrano dislivelli tra i risultati in italiano e quelli in matematica.

 

 

 

AREA DI PROCESSO OBIETTIVO
1)      Curricolo, progettazione e valutazione. 1)      Creare dipartimenti per la progettazione didattica

2)      Effettuare una programmazione periodica comune per ambiti disciplinari

3)      Utilizzare prove strutturate di matematica per le classi terze con comuni criteri di correzione.

 

CONTRIBUTO DEGLI OBIETTIVI DI PROCESSO: Creare dipartimenti per la progettazione didattica; effettuare una programmazione periodica comune per ambiti disciplinari; utilizzare prove strutturate di matematica per le classi terze con comuni criteri di correzione può: educare i docenti alla programmazione per obiettivi comuni; far emergere le oggettive difficoltà cognitive delle classi; individuare le strategie per superarle; educare gli alunni alla tipologia di prove autentiche; favorire la capacità di autovalutazione.

 

 

Cap. 3

Indicazioni sul Piano dell’offerta formativa contenute nella Legge 107/2015

Le innovazioni introdotte dalla Legge n. 107 del 2015, mirano alla valorizzazione dell’autonomia scolastica, che trova il suo momento più importante nella definizione e attuazione del pianodell’offerta formativa triennale. Tali novità, prevedono, che le istituzioni scolastiche, con la partecipazione di tutti gli organi di governo, dovranno provvedere alla definizione del POf perl’anno 2015-16 e del Piano Triennale dell’Offerta Formativa per il triennio 2016-17, 2017-18, 2018-19

. Gli indirizzi del Piano vengono definiti dal dirigente scolastico che, in proposito, attiva rapporti con i soggetti istituzionali del territorio e valuta eventuali proposte delle rappresentanze sociali; il Collegio deidocenti lo elabora; il Consiglio di istituto lo approva. Il piano può essere rivisto annualmente entro ottobre. Per la realizzazione degli obiettivi inclusi nel Piano dell’Offerta Formativa le istituzioni scolastiche si possono avvalere di un organico potenziato di docenti da richiedere a supporto delle attività didattiche e di coordinamento.

Il Piano deve prevedere:

  1. Piano offerta formativa su plessi con tempi scuola specifici ( c. 14)
  2. Piano risorse docenti su numeri attribuiti controllata dal USR (c. 13 e 14): posti comuni e sostegno, fabbisogno per il potenziamento
  3. Piano risorse ATA (c. 14)
  4. Piano della formazione docenti (c.12) redatto in coerenza con PTOF c.124
  5. Piano della formazione Ata (c.12)
  6. Piano miglioramento RAV (c.14.3)
  7. Piano fabbisogno infrastrutture e materiali (14.3)
  8. Azioni piano nazionale scuola digitale (c.57 e c.59)

 

 

Cap. 4

LINEE DI INDIRIZZO PER IL POF 2015-16 E PER

IL TRIENNIO SUCCESSIVO

Tenendo conto del Rapporto di Autovalutazione, delle verifiche di fine anno scolastico 2015-16, dei contributi dei genitori attraverso gli organi collegialila Dirigente definisce sinteticamente le seguenti linee guida generali per il presente anno scolastico tutte tese a sostenere l’impegno prioritario nel processo di formazione ed istruzionedi base con un arricchimento dell’Offerta Formativa:

 

AREA DEL CURRICOLO

Completamento della pianificazione curricolare introducendo standard di valutazione, prove comuni di Istituto, il curricolo per lo sviluppo delle competenze trasversali (tra cui competenze di cittadinanza, competenze digitali), l’adozione del certificato delle competenze come previsto dal modello ministeriale, la promozione dell’innovazione didattico educativa e della didattica per competenze così come indicata nelle Indicazioni nazionali per il curricolo.

Potenziamento delle strategie per consolidare le competenze linguistiche (italiano e lingue straniere) e le competenze logico-matematiche.

Individuazione di percorsi per lo sviluppo di competenze di cittadinanza attiva e democratica nelle due aree delle competenze comunicativo-relazionali e dei comportamenti responsabili ispirati alla sostenibilità ambientale.

 

SUCCESSO FORMATIVO E INCLUSIONE

Definizione di azioni di recupero delle difficoltà, di supporto nel percorso scolastico, di valorizzazione delle eccellenze per la promozione del successo formativo di tutti gli alunni sia adottando forme di didattica innovativa o alternativa all’interno del Curricolo, che integrando attività oltre l’orario curricolare. Potenziamento dell’inclusione scolastica e del diritto allo studio degli alunni con bisogni educativi speciali. Nell’ottica di rimozione degli ostacoli allo sviluppo armonico del bambino e del ragazzo si collocano le attività di prevenzione alla violenza e alle discriminazioni, promozione del benessere, della salute della persona e dello stare bene insieme a scuola.

 

FLESSIBILITA’ ORGANIZZATIVA

Introduzione di elementi di flessibilità didattica ed organizzativa finalizzati ad una valorizzazione delle risorse professionali e ad una maggiore sostenibilità del Pof nel suo insieme. La valutazione dei vari progetti e dell’utilizzo della flessibilità deve tener conto della sostenibilità dei progetti proposti oltre ai contenuti indicati nel Curricolo di Istituto, sia in orario curricolare che in quello extracurricolare.

 

AMPLIAMENTO DELL’OFFERTA FORMATIVA

Elaborazione di proposte riconducibili alle aree di miglioramento agli elementi di priorità definiti nel piano di miglioramento, collegate alla programmazione didattica o di potenziamento anche nell’orario extracurricolare.

 

 

DOTAZIONI STRUMENTALI e INNOVAZIONI TECNOLOGICHE

Ampliamento della dotazione tecnologica e dell’offerta di formazione nell’ambito delle tecnologie digitali per la promozione dell’uso delle tecnologie nella didattica quotidiana e nell’organizzazione degli uffici, finalizzata anche alla dematerializzazione già prevista dalla norma. Supportare l’innovazione tecnologica con azioni mirate e l’adesione ai progetti PON. Innovazione didattica con

acquisto ed utilizzo delle LIM, dei laboratori di informatica ed altri supporti anche grazie all’attivazione del percorso relativo alla Classe2.

 

FORMAZIONE

Definizione di proposte di formazione collegate al piano di miglioramento, alle aree di priorità tra cui l’approfondimento del tema della valutazione, lo sviluppo della didattica per competenze, in particolare per l’elaborazione del curricolo relativo a competenze trasversali (ed. alla cittadinanza ed ed. digitale).

Snellimento delle modalità di comunicazione interna tra plessi e personale utilizzando tutte le potenzialità del sito: Albo pubblico, Parte relativa all’Amministrazione Trasparente, modulistica a disposizione, diffusione circolari, parte riservata al personale.

 

 

ORGANICO POTENZIATO E ORGANICO DELL’AUTONOMIA

L’organico potenziato dovrà essere richiesto per le finalità previste dalla legge n. 107/2015, e tenendo conto in particolare delle priorità del RAV.

Nel Piano dell’Offerta formativa vanno indicate le priorità rispetto agli ambiti di insegnamento o classi di concorso del personale identificato per l’organico potenziato dell’anno 2015/16 e per l’organico dell’autonomia del triennio successivo.

 

 

PARTECIPAZIONE ALLE INIZIATIVE DEL PON

Predisporre progetti per accedere ai fondi del PON per la Programmazione 2014-2020, mediante la predisposizione di Piano di Miglioramento definito collegialmente, sulla base dell’autovalutazione dei propri bisogni, integrato al piano dell’offerta formativa. Esso sarà fondato su un’autodiagnosi dei fattori di maggiore criticità (contesto scolastico,familiare e culturale) e costituito dall’insieme delle proposte di azioni (sia FSE che FESR) con cui la scuola intenderà affrontare le proprie esigenze e quelle della comunità di riferimento.

 

F.to Il dirigente Scolastico
Prof.ssa Antonella Conio

 

CURRICULUM VITAE Dirigente Scolastico

CURRICULUM VITAE

Antonella Conio

Dirigente Scolastico Scuola Secondaria di I grado

“Dante Alighieri”

INFORMAZIONI PERSONALI:

Nome: ANTONELLA CONIO

Data di Nascita: 08/11/1973

Qualifica: Dirigente Scolastico

Amministrazione: Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca

Incarico attuale

Tipo incarico: Effettivo dal 01/09/2014 al 31/08/2017

Istituzione scolastica : Scuola Secondaria di I grado “Dante Alighieri” (AQMM001007)

Numero telefonico dell’ufficio: 086224590

Fax dell’ufficio: 0862422740

E-mail istituzionale: AQMM001007@istruzione.it

Posta elettronica certificata: AQMM001007@pec.istruzione.it

 

TITOLI DI STUDIO E PROFESSIONALI ED ESPERIENZE LAVORATIVE

Titoli di Studio:

DIPLOMA DI LAUREA:

-Diploma di laurea in LAUREA IN LETTERE CLASSICHE, conseguito il 18/03/1999, presso Università degli Studi di L’Aquila, con la votazione di 110/110 cum laude;

Diploma di laurea in LAUREA IN SCIENZE DELLA FORMAZIONE conseguito il 14/03/2007, presso Università degli Studi di L’Aquila,  con la votazione di 110/110 cum laude.

 

 

ALTRI TITOLI DI STUDIO:

– Diploma secondaria di secondo grado: DIPLOMA DI MATURITA’ CLASSICA

MASTER:

Master di II Livello per “Dirigenti Scolastici”, conseguito il 14/12/2009, presso Università degli Studi di Teramo, con la votazione di 100/100 cum laude

 

CORSI DI SPECIALIZZAZIONE:

-SPECIALIZZAZIONE PER IL SOSTEGNO SCUOLA PRIMARIA conseguito il 18/03/1999, presso Università degli Studi di L’Aquila.

CORSI DI PERFEZIONAMENTO:

– Corso di perfezionamento in “Didattica della letteratura italiana”, conseguito il 24/09/2002, presso For.Com.;

– Corso di perfezionamento in “Didattica della letteratura”, conseguito il 01/10/2003, presso For.Com.;

– Corso di perfezionamento in “Metodologia della ricerca storica contemporanea”, conseguito il 15/04/2005, presso For.Com.;

– Corso di perfezionamento in “Comunicazione multimediale e didattica on line”, conseguito il 17/12/2004, presso Università degli Studi di Ferrara;

-Corso di perfezionamento in “Metodologia della ricerca storica contemporanea”, conseguito il 15/04/2005, presso For.Com.;

-Corso di perfezionamento in “L’insegnamento della Storia”, conseguito il 04/04/2006, presso For.Com.;

ABILITAZIONI:

-Abilitata per la classe di concorso A043 (Italiano, Storia e Geografia Scuola Media) e A050 (Italiano, Storia e Geografia Scuola Secondaria di II grado), con concorso ordinario (DDG 31 marzo 1999);

– Abilitata per la classe di concorso A043 (Italiano, Storia e Geografia -Scuola Media) , A050 (Italiano, Storia e Geografia -Scuola Secondaria di II grado), A051 (Italiano e Latino – Scuola Secondaria di II grado), A052 (Latino e Greco-Scuola Secondaria di II grado) con Scuola di Specializzazione per l’Insegnamento Secondario, Università degli Studi di Chieti “Raffaele Laporta” a.a. 1999/2000 e 2000/2001;

-Abilitata per la Scuola Primaria, con laurea abilitante, Vecchio Ordinamento, presso Università degli Studi di L’Aquila.

 

ESPERIENZE PROFESSIONALI-INCARICHI RICOPERTI:

-Docente di Scuola Secondaria di I Grado dall’anno 2000;

-Funzione Strumentale: gestione del POF e il sostegno al lavoro dei docenti, a.s. 2005-2006, presso I.C. Pescina (AQ);

– Funzione Strumentale: realizzazione di progetti formativi con enti ed istituzioni esterne alla scuola, a.s. 2007-2008, presso I.C. Montereale (AQ);

– Funzione Strumentale: realizzazione di progetti formativi con enti ed istituzioni esterne alla scuola: : a.s. 2008-2009, presso I.C. Montereale (AQ);

-già Dirigente Scolastico dell’Istituto Comprensivo di Navelli nell’anno 2013-2014;

-Componente Regionale “La Buona Scuola”, presso U.S.R. Abruzzo, anno 2014-2015;

-Dirigente Scolastico della Scuola Secondaria di I grado “Dante Alighieri”;

-Dirigente Coordinatore del Centro Territoriale di Supporto (CTS) per la Provincia di L’Aquila.

Capacità linguistiche:

Lingua Livello parlato Livello scritto Altro

 

Francese Buono Esperto

 

 

Il Saluto del Dirigente Scolastico

Cari genitori,

il mio più sincero augurio di buon Anno Scolastico.

La prima campana è suonata quest’oggi per i vostri figli, un’emozione antica ma anche un appuntamento puntuale che ogni anno si rinnova nelle vite dei Nostri ragazzi; un frenetico e ridente filo rosso che da sempre attraversa intere generazioni di studenti ma che non va mai dato per scontato, poiché ogni anno magicamente si ripresenta in mille polimorfie nei volti curiosi dei Vostri figli.

Dietro ad ogni banco, dietro ad ogni cattedra e dietro ad ogni scrivania, tanti sono i soggetti coinvolti nei processi educativi: alunni, docenti e personale ATA, tutti accomunati da un sogno condiviso di una Scuola che valorizzi la Persona in tutte le sue componenti cognitive, emotive e relazionali; di una Scuola che rimuova gli ostacoli per il raggiungimento del successo formativo per tutti e per ciascuno; di una Scuola realmente inclusiva per la formazione dei futuri cittadini di domani; di una Scuola, infine, luogo di incontro ludico e sociale per contrarre i disagi del post sisma.

Ringrazio il Dirigente Scolastico che mi ha preceduta, il professor Giuliano Tomassi, per le sue doti professionali e per la sua capacità visionaria di concepire e pensare la Scuola al costante servizio del cittadino.

Ringrazio voi Genitori, che avete scelto la nostra Offerta Formativa per tracciare piste progettuali per il recupero delle difficoltà, il consolidamento delle conoscenze e il potenziamento di tutte le intelligenze; che avete sottoscritto con noi il patto Educativo di Corresponsabilità, per muoverci in modo sinergico negli itinerari di Istruzione e Formazione.

Ricordo che nel “Libretto Scolastico Personale” saranno riportate le giustificazioni delle assenze e i permessi da parte dei genitori e gli esiti delle verifiche scritte, orali e pratiche da parte dei docenti, al fine di garantire l’informazione “trasparente e tempestiva” della valutazione dei vostri figli; nel libretto saranno altresì presenti il “Regolamento di Istituto”, concernente la disciplina degli alunni e l’organizzazione della vita scolastica, al fine di garantire il regolare andamento di tutte le attività e il “Patto Educativo di corresponsabilità”, quale esplicita e formale assunzione di impegni nella dialettica triadica alunni-genitori-scuola.

Avrò il piacere di interloquire con voi in ogni momento se ne presenti per voi la necessità e l’urgenza. Rimarrò comunque a vostra disposizione per colloqui individuali presso la sede centrale il martedì e il giovedì dalle ore 9.30 alle ore 11.30.

Un caloroso saluto.

La Dirigente scolastica
Antonella Conio